home             la proloco    news    foto    dove mangiare    dove dormire    come raggiungerci    itinerari    contatti   
Pro Loco Castel Lagopesole
Piazza Federico II, 22
85020 Lagopesole (Pz)
tel./fax: +39 0971 86251
cell.: 333 86 63 901
info@prolocolagopesole.it
proloco lagopesole
 © crediti il castello    la storia    l'antiquarium    le leggende    eventi    il gruppo folklorico    link   

proloco castel lagopesole







le leggende

La tradizione popolare è sempre stata fonte di racconti e leggende collegate a luoghi e personaggi che, positivamente o negativamente, colpirono la fantasia degli abitanti di queste zone. Delle leggende che ravvivano la storia di Lagopesole ce ne sono almeno due abbastanza note.

Federico I Barbarossa, in vecchiaia, si ritirò al Castello di Lagopesole, narra la leggenda, e siccome era afflitto da una deformità congenita che lo costringeva a nascondere delle orecchie allungate e puntute sotto una fluente capigliatura - come appare raffigurato nella protome a sinistra del mastio - per impedire la divulgazione della notizia della sua deformità, l'Imperatore aveva ordinato che i barbieri da cui si faceva radere, al momento in cui lasciavano la dimora imperiale, venissero portati, attraverso un corridoio, in una torre dove era un trabocchetto - costruito appositamente -, nel quale erano spinti e rimanevano sepolti.

Da questa triste sorte un barbiere giovane, la storia non ci dice il nome, riuscì a sfuggire evitando la mortale torre. Ebbe salva la vita a condizione che non avesse raccontato a nessuno del segreto dell'Imperatore. Il nostro barbiere era veramente intenzionato a mantenere il segreto, ma la notizia era grossa, allora, non volendo mancare alla promessa fatta, anche perchè temeva giustamente per la propria vita, andò nel luogo più nascosto della campagna di Lagopesole, una volta arrivato, scavò un buco profondo nel terreno e, parlandoci dentro, raccontò il segreto dell'Imperatore. Dopo qualche tempo, sul posto, crebbero delle canne che, agitate dal vento, con il loro fruscio, che diveniva sempre più forte ed insistente, ripetevano come una canzone "Federico Barbarossa tène l'orecchie all'asinà a a a a ..." di qui, il ritornello è giunto fino ai tempi nostri ed è stato ripreso anche in canti popolari della zona.

L'altra leggenda, certamente legata ai fatti storici che avvennero dopo la sconfitta e la morte di Manfredi, dice che in alcune particolari notti, quando la luna è alta nel cielo e tutta la campagna tace, dal Castello si vede apparire e scomparire una luce portata da una fanciulla vestita di bianco e si sentono lamenti, invocazioni ed urla di disperazione. La bella Elena degli Angeli, moglie disperata di Manfredi, torna al Castello dove visse felice a cercare il caro marito e gli amati figli perduti per sempre. Ed il biondo Manfredi, cavalcando il suo magnifico stallone bianco, con un bellissimo vestito dal lungo manto verde, nella profondità della notte può essere incontrato nelle campagne attorno al Castello, che vaga all'eterna ricerca della sua famiglia distrutta dall'Angioino.

BITXBIT